Emergenza IdraulicaEMERGENZE

Alluvione a Campi Bisenzio

Come Protezione Civile di Anzola dell’Emilia siamo intervenuti l’11 novembre, coordinati dalla Consulta provinciale, in aiuto della popolazione

La Città di Campi Bisenzio, in provincia di Firenze, nella notte tra il 2 e il 3 novembre 2023, è stata travolta da una violenta pioggia che ha colpito duramente causando l’esondazione del fiume Bisenzio e la rottura degli argini di due suoi affluenti, la Marina e il Fosso Reale, inondando la Città. Durante quella notte centinaia di famiglie si sono rifugiate sui tetti delle loro case per sfuggire all’avanzare dell’acqua. All’alba del 3 novembre gli elicotteri della protezione civile hanno soccorso coloro che si erano rifugiati sui tetti.

Alluvione Campi Bisenzio
Alluvione Campi Bisenzio: Palestra dove siamo stati alloggiati

Come Protezione Civile di Anzola dell’Emilia siamo intervenuti l’11 novembre, coordinati dalla Consulta provinciale, in aiuto della popolazione.

Lo scenario in questi drammatici eventi non cambia: acqua e fango, inesorabilmente distruggono tutto quanto. Anche qui tantissimi giovani sono accorsi in aiuto. Sono stati loro che hanno lavorato principalmente per portare fuori dagli scantinati o dai piano terra mobili, elettrodomestici e tuto quanto era stato reso inservibile dal fango e dall’acqua.

Noi, divisi in alcune squadre formate dai volontari di diverse Associazioni, siamo andati in soccorso alle famiglie le cui case erano ancora invase dall’acqua: gli ambienti sotto al livello della strada, garage, tavernette, scantinati erano ancora allagati in quanto le pompe sommerse in dotazione, usate per l’acqua piovana, non potevano funzionare poiché era stata staccata la corrente elettrica per sicurezza. Con l’ausilio di pompe idrauliche abbiamo prima prosciugato cantine, garage e tavernette che poi abbiamo cercato di pulire con le idropulitrici pareti e pavimenti.

Alluvione Campi Bisenzio
Alluvione Campi Bisenzio: La squadra di Bologna

Molte persone hanno perso le loro case e molti dei loro averi, ciò ha causato danni strutturali e affettivi ai colpiti dall’alluvione. Altre famiglie, pur non essendo colpite in prima persona, hanno visto la propria Città sommersa nell’acqua fangosa del fiume, che in diversi punti ha raggiunto anche un metro e mezzo di altezza, e in alcune zone sono rimaste senza corrente elettrica per più giorni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Il periodo di verifica reCAPTCHA è scaduto. Ricaricare la pagina.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.